Home Movie day in Sardegna, Orgosolo 15 ottobre 2011

Annunci
Pubblicato in descrizione | 3 commenti

Home Movie Day, Orgosolo 15 ottobre 2011

Home Movie Day, Orgosolo 15 ottobre 2011

HOME MOVIE DAY 2011

Giornata Internazionale del Film di Famiglia

Sabato 15 Ottobre

Orgosolo – Auditorium Biblioteca Comunale – Piazza Caduti

clicca qui e scarica la locandina della manifestazione

Nel 2003 un gruppo di cinefili, archivisti e ricercatori universitari nordamericani hanno ideato una giornata internazionale dedicata al film di famiglia e amatoriale (home movie),

che ha preso il nome di Home Movie Day (www.homemovieday.com).

L’idea è nata con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e i proprietari di vecchie pellicole familiari sulla necessità di una strategia di recupero e conservazione di questi preziosi materiali, che, ben prima dell’avvento del video, sono testimonianze filmate inedite della vita quotidiana del Novecento. L’iniziativa ha ricevuto ampi consensi e un successo popolare di vaste dimensioni.

Nel 2010 l’Home Movie Day ha coinvolto più di 20 paesi con un totale di circa 50 appuntamenti in tutto il mondo.

In Italia la manifestazione è promossa e realizzata sin dal 2004 da Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia  e si è svolta fino a oggi in diverse città d’Italia (Pesaro, Rimini, Vicenza, Milano, Pratovecchio, Gorizia, Bari, San Gimignano) spesso in collegamento con progetti di raccolta territoriali.

Quest’anno l’Home Movie Day si svolge per la prima volta in Sardegna, a Orgosolo, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale – Assessorato alla Cultura, all’interno del progetto di raccolta La storia siete voi – Film di Famiglia in Sardegna, promossa da Home Movies insieme all’Università di Sassari e all’ISRE. Il progetto prevede diversi punti di raccolta territoriali (a Cagliari, Sassari, Nuoro, Olbia, Oristano, Ozieri, Macomer) a cui si aggiunge per l’occasione Orgosolo, località importante anche sul piano simbolico per cinema italiano.

Un’occasione preziosa per rilanciare l’invito ai cittadini sardi a tirare fuori dai cassetti e dagli armadi i propri film in formato ridotto (8mm, Super8, 16mm, 9,5 Pathé Baby), portarli all’appuntamento, incontrare i responsabili del progetto e delle lavorazioni tecniche, conoscere le problematiche principali legate a una conservazione non corretta dei film e al loro recupero e trasferimento in digitale, ma anche rivedere all’istante immagini dimenticate da molti anni e che fanno parte dei propri ricordi più antichi e profondi.

La giornata

Portate i vostri film 8mm, Super8, 16mm, 9,5mm! Questo è l’appello pubblico che viene rivolto ai cittadini di Orgosolo e della Sardegna tramite affissioni pubbliche, materiale a stampa  e il coinvolgimento di radio, televisioni e giornali locali.

I film che giungeranno all’appuntamento saranno revisionati e una parte di essi eventualmente scelti per essere proiettati durante la serata. I responsabili del progetto presenti durante la giornata sono infatti dotati di proiettori, moviole e attrezzature tecniche per tutti i formati del cinema amatoriale e in grado di controllare e revisionare i film sul momento.

Durante la giornata sarà operativo un punto di consulenza dove verranno offerti consigli utili a trattare in maniera appropriata le pellicole e verrà sottolineata l’importanza di questi insostituibili frammenti di storia individuale e collettiva, che documentano in modo unico la storia della società italiana dagli anni ‘20 agli anni ‘80 del secolo scorso.

Ai proprietari dei film verranno fornite indicazioni per il recupero delle pellicole e spiegate le modalità di partecipazione e gli scopi del progetto Film di Famiglia in Sardegna.

La sera verranno proiettate, alla presenza dei loro autori e dei loro familiari, alcune delle pellicole portate dalla cittadinanza durante la giornata e alcuni film raccolti e già digitalizzati all’interno del progetto oltre a una selezione di filmati riguardanti il territorio sardo provenienti dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia di Bologna, per offrire un esempio di come questi frammenti effimeri possono risultare preziosi per conoscere e ricostruire il modo in cui le persone vivevano, come apparivano alcuni luoghi ormai trasformati, e come è mutato il nostro modo di relazionarci e rappresentarci nella società.

Programma

 

Auditorium della Biblioteca Comunale – Piazza Caduti – Orgosolo (NU)

 

Dalle h15 alle h18

Punto di consulenza e raccolta dove portare le proprie pellicole amatoriali, verificarne lo stato e ottenere consigli per una loro corretta conservazione.

Promozione del progetto Film di Famiglia in Sardegna e selezione dei film per il programma serale.

 

Dalle h19 alle h21

Presentazione ufficiale dell’ Home Movie Day 2011.

Proiezione in pellicola dei film raccolti nel corso della giornata introdotti dai responsabili del progetto e dai cineamatori stessi, e di antologie realizzate a partire dai film già raccolti all’interno del progetto Film di Famiglia in Sardegna e da filmati conservati dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

Dicono dell’Home Movie Day

 

Martin Scorsese (regista): “L’attività di salvaguardia della nostra memoria filmica non dovrebbe limitarsi solo ai film commerciali. I film di famiglia e amatoriali non solo catturano importanti momenti della nostra vita familiare, ma sono anche documenti storici e culturali a tutti gli effetti. L’Home Movie Day è una celebrazione di questi film e delle persone che li hanno girati. Invito chiunque abbia interesse a saperne di più su come prendersi cura e su come preservare le proprie memorie personali ad unirsi ai festeggiamenti che verranno offerti nelle loro comunità.”

Dan Streible (Orphan Film Symposium): “La gente sottovaluta il valore e il potere degli Home Movies… Questi milioni di metri di film familiari riscoperti, milioni di metri di pellicola girati da madri e padri, zii, zie e amici durante il XX secolo, rappresentano ora la migliore testimonianza disponibile sulla vita quotidiana delle ultime tre generazioni. L’Home Movie Day vuole ricordare alle persone che queste immagini in movimento impresse su pellicola non solo hanno un immenso valore storico, ma necessitano anche di una attiva opera di conservazione.”

PER INFO:

 

Biblioteca Comunale di Orgosolo.

Tel.: 0784/402087. e-mail: bibliorgosolo@tiscali.it ; sito internet Amministrazione Comunale: www.comune.orgosolo.nu.it

Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia

www.homemovies.it

Progetto “La storia siete voi – Film di Famiglia in Sardegna”

http://filmfamigliasardegna.wordpress.com/

Pubblicato in descrizione, eventi | Lascia un commento

Raccolta sotto l’ombrellone!

raccolta estiva

Buone ferie!

La raccolta continua anche in agosto! I nostri operatori e le nostre operatrici sono attivissimi; potranno risponedere alle vostre domande e accogliervi ai centri di raccolta, dove avremo cura delle vostre pellicole.

Contattate pure il Centro più vicino

https://filmfamigliasardegna.wordpress.com/raccolta/

Pubblicato in descrizione | Lascia un commento

Brochure

Pubblicato in descrizione | 2 commenti

Film di famiglia in Sardegna

Raccolta, recupero e valorizzazione della memoria filmica privata della Sardegna

Le pellicole 8mm, Super8, 16mm e 9,5 Pathé Baby: perché raccogliere le memorie private
di una Sardegna che scompare

Gli home movies (o film di famiglia) sono un fenomeno sociale diffuso fin dalla nascita del cinema, anche se la pratica del cinema familiare si può più precisamente collocare tra i primi anni ’20 e gli anni ’80 del Novecento. Pellicole amatoriali – girate in 8mm, super8, 9,5 Pathé Baby e 16mm – che mostrano momenti di vita quotidiana e familiare, ma anche viaggi, riti collettivi ed eventi pubblici. Al pari di altre fonti della memoria privata (diari, lettere, fotografie amatoriali e testimonianze orali), essi costituiscono un immenso patrimonio di testimonianze individuali – trasversali e inedite – sui fenomeni che hanno segnato la società italiana.
Si tratta di un materiale preziosissimo e negletto, che si offre tanto alla storia sociale quanto allʼantropologia come campo di indagine inesplorato e ricco, suscettibile di innescare processi di conoscenza, di ricerca e di approfondimento del tutto nuovi. Il caso della Sardegna, in particolare, considerate le peculiari modalità di modernizzazione che ne hanno investito il territorio, è un campo di indagine completamente inesplorato e promettente di molteplici sviluppi e approfondimenti. Lontano dalle rigidità dei documentari istituzionali, il film privato è marcato da una soggettività differente e imprevedibile, capace di mostrare una Sardegna inedita e, ormai, definitivamente perduta. I film di famiglia, con il loro sguardo essenzialmente intimo, raccontano gli aspetti più ordinari e per questo spesso più trascurati della nostra società, le trasformazioni del paesaggio e degli stili di vita, offrendoci anche l’opportunità di osservare i riflessi che i grandi eventi storici hanno portato nelle abitudini e nella vita quotidiana delle persone.
Lʼimportante e prezioso patrimonio costituito dalle pellicole dei cineamatori che hanno girato immagini private in una Sardegna ormai dimenticata è spesso nascosto e relegato nellʼoblio di soffitte e cantine. Il tempo, come spesso accade, minaccia la conservazione delle pellicole, supporti delicati e deteriorabili, ed è questa forse lʼultima occasione per salvare le testimonianze dirette delle persone che le hanno girate. Il recupero di questi fragili frammenti di memorie appare in special modo importante nel contesto sardo , che si annuncia come un deposito di soggettività molteplici ed eccentriche, prospettive capaci di testimoniare gli sguardi di una terra antica, ancorata a tradizioni fortissime, e insieme aperta ad accogliere le spinte della modernità.

Potenzialità del progetto

Il progetto si inscrive in un più ampio movimento nazionale e internazionale di valorizzazione del film di famiglia come fonte e occasione di storia, memoria e ricerca. Si tratta di una proposta pionieristica per la Sardegna che va ad integrare un lavoro di indagine regionale forte di anni di esperienza nel campo della ricerca antropologa ma ad oggi manchevole sul versante del cinema privato. Il caso sardo andrà ad integrare con la sua peculiare prospettiva il patrimonio nazionale portando il proprio contributo ad una storia del Novecento italiano ancora tutta da scrivere.
Il progetto consente di sviluppare figure professionali qualificate e assenti dal contesto regionale. Difatti si intende fondare un laboratorio permanente per lʼelaborazione e la lavorazione delle pellicole amatoriali; ciò sarà possibile grazie alla collaborazione con lʼassociazione Home Movies -Archivio Nazionale del Film di Famiglia di Bologna-. Lʼidea è quella di formare in loco figure professionali ad hoc, che acquisiscano le competenze necessarie al lavoro sulle pellicole. Le professionalità nate dal progetto aprono nuove prospettive sia per quanto concerne il mercato del lavoro, sia per il loro rilievo nellʼambito della ricerca scientifica. Il recupero e la digitalizzazione del cinema privato è destinata a Film di famiglia in Sardegna generare infiniti sviluppi non soltanto dal punto di vista scientifico ma anche nella promozione culturale e mediatica del territorio.
Attraverso l’utilizzo e l’elaborazione del prezioso materiale raccolto, potranno essere realizzati prodotti audiovisivi ed esposizioni che costituiscono un inestimabile valore aggiunto al progetto. Come dimostrano le precedenti analoghe esperienze svolte sul territorio nazionale, numerose sono le potenzialità legate alla raccolta di questo materiale che hanno occasionato mostre fotografiche, videoistallazioni, proiezioni video, spettacoli con sonorizzazioni dal vivo, conferenze e seminari.

Pubblicato in descrizione | Lascia un commento

locandina evento

Pubblicato in descrizione | 1 commento