Bando e Regolamento

© Valentina Fontanella

BANDO PUBBLICO

 RECUPERO E VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA FILMICA PRIVATA DELLA SARDEGNA

L’Università degli studi di Sassari, l’ISRE-Istituto Etnografico della Sardegna e l’Associazione Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia- promuovono un bando pubblico per la raccolta e la digitalizzazione di pellicole amatoriali riguardanti il territorio della Regione Sardegna. Film familiari, di vacanza, di viaggio, appunti e diari filmati: pellicole ormai dimenticate, il più delle volte relegate nelle soffitte o chiuse negli armadi, ma che pure sono importanti testimonianze private della memoria della società italiana.

Il progetto intende recuperare e salvaguardare queste pellicole nella convinzione che costituiscano documenti importanti ai fini di una ricostruzione della memoria collettiva e della storia personale e pubblica, intesa sia come storia del territorio sia come storia della vita e delle abitudini delle donne e degli uomini che lo abitano.

I filmati amatoriali costituiscono un patrimonio immenso e disperso, in grado di offrire uno sguardo inedito sull’intero corpo sociale. Le pellicole documentano, in modo del tutto peculiare, eventi, abitudini e stili di vita del passato; luoghi e paesaggi radicalmente trasformati, gesti, volti e persone ormai scomparse. Le immagini dei film amatoriali riguardano gli aspetti più quotidiani della nostra vita e per questo sono preziose tracce visive della nostra storia personale e sociale.

La riscoperta di questi film vuole non solo offrire nuovi materiali alla ricerca storica, sociologica, antropologica, ma anche sottolinearne il carattere specifico di reperti della memoria privata e di sguardi individuali sulla propria epoca.

Il bando si rivolge a quante/i possiedano vecchie bobine di pellicole amatoriali girate nel corso del Novecento in Sardegna (nei formati 8mm, Super8, 16mm, 9,5mm), proprie o di propri parenti o amici, sia che contengano immagini di vita privata e familiare, sia che riguardino viaggi, feste o eventi locali (mFILM DI FAMIGLIA IN SARDEGNA_bandoanifestazioni pubbliche, avvenimenti sportivi, episodi di cronaca).

Le pellicole raccolte verranno preservate tramite il trasferimento in formato video digitale; le copie digitali saranno messe a disposizione per la consultazione presso le sedi dei promotori e presso le biblioteche e gli archivi dei soggetti collaboratori. Alle proprietarie e ai proprietari delle pellicole verrà restituita gratuitamente una copia su supporto DVD delle pellicole consegnate.

Le/i partecipanti avranno la possibilità di depositare le pellicole originali presso l’ISRE, che ne garantisce l’archiviazione secondo gli standard internazionali per la conservazione del materiale filmico, oppure richiederne la restituzione dopo la digitalizzazione.

Al termine del progetto un evento pubblico presenterà alla cittadinanza una selezione dei più interessanti filmati raccolti e digitalizzati.

Il fondo di pellicole più meritevole verrà premiato con l’ospitalità dell’autrice o dell’autore al SIEFF, XVI Rassegna Internazionale di Cinema Etnografico.

Le pellicole devono essere consegnate brevi manu al personale incaricato compilando un’apposita scheda informativa.

Le pellicole dovranno pervenire presso uno dei centri di raccolta distribuiti sul territorio (possibilmente previo appuntamento) entro il mese di ottobre 2011.

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

1. Il bando è aperto ai residenti nella Regione Sardegna e ai possessori di pellicole amatoriali riguardanti il territorio sardo anche se residenti altrove. I promotori del bando sono l’Università degli studi da Sassari, l’ISRE-Istituto Etnografico della Sardegna e l’Associazione Home Movies-Archivio Nazionale del Film di Famiglia-.
2. Le/i partecipanti potranno consegnare le pellicole al personale incaricato dei centri di raccolta indicati nel Bando.
3. Saranno accettate le pellicole in formato 9,5mm, 8mm, super8 e 16mm, non saranno accettati na- stri magnetici e qualsiasi altro supporto digitale.
4. I promotori provvederanno a trasferire le pellicole in formato video digitale e a riversare il materiale digitalizzato in un supporto idoneo alla conservazione. Le/i partecipanti devono dichiarare di avere la disponibilità legale delle pellicole in proprio possesso o produrre una liberatoria da parte degli aventi diritto.
5. Ogni partecipante dovrà allegare alle pellicole la scheda di partecipazione/liberatoria debitamente compilata e firmata che sarà fornita dal nostro personale incaricato presso i punti di raccolta, oppure scaricabile alle pagine http://www.filmfamigliasardegna.wordpress.com, http://www.isresardegna.it, http://www.lefweb.uniss.it, http://www.uniss.it.
6. Nel caso in cui si possedesse già una copia in DVD o VHS delle pellicole, è possibile consegnarla insieme alle pellicole (la digitalizzazione verrà comunque effettuata a partire dagli originali). E’ possibile inoltre allegare alla scheda di partecipazione un inventario dettagliato delle pellicole consegnate.
7. Il trasferimento in formato digitale verrà effettuato da esperti previa revisione e restauro conservativo delle pellicole. I promotori si riservano tuttavia di non procedere alle operazioni di recupero qualora lo stato di conservazione delle pellicole non lo consenta.
8. Le/i partecipanti avranno la possibilit di depositare le pellicole originali presso l’ISRE, che ne garantisce l’archiviazione secondo gli standard internazionali per la conservazione del materiale filmico, oppure richiederne la restituzione dopo la digitalizzazione.
9. Le pellicole raccolte verranno preservate tramite il trasferimento in formato video digitale e la conservazione dei supporti originali. Le copie digitali saranno messe a disposizione per la consultazione presso le sedi dei promotori e dei partner. Alle proprietarie e proprietari delle pellicole verrà restituita gratuitamente una copia su supporto DVD delle pellicole consegnate. E’ possibile in ogni caso richiedere la restituzione degli originali. Il materiale in formato digitale verrà archiviato e conservato (e sarà accessibile a chi ne farà richiesta) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Sassari, l’Istituto Superiore Regionale Etnografico, l’Archivio Nazionale del film di famiglia di Bologna e presso le biblioteche e gli archivi dei soggetti collaboratori. Un database consentirà la ricerca e la consultazione dei film che resteranno a disposizione di ricercatori e studiosi e potranno essere utilizzati dai promotori per iniziative di carattere culturale, istituzionale o didattiche. Ogni ulteriore utilizzo è da verificare tramite la richiesta della disponibilità degli aventi diritto.
10. Nel caso in cui sia richiesta la restituzione delle pellicole originali, esse potranno essere ritirate presso le sedi dei punti di raccolta dove sono state consegnate, al termine del progetto.
11.Una commissione nominata ad hoc selezionerà tra le cineamatrici e i cineamatori, che consegneranno le proprie pellicole presso qualsiasi centro di raccolta, quella/o che a insindacabile giudizio si sarà distinta/o per il contenuto storico-documentario dei suoi film. La vincitrice o il vincitore avranno la possibilità di essere ospitati al SIEFF 2012, Sardinia International Ethnographic Film Festival.

filmdifamigliasardegna@gmail.com

FILM DI FAMIGLIA IN SARDEGNA_bando

FILM DI FAMIGLIA IN SARDEGNA_regolamento

FILM DI FAMIGLIA IN SARDEGNA_scheda_partecipazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...